Ray Ban Store England

Luigi Mansi, don Nino Carta, diac. Mauro Tommasi, don Franco Borsari, don Gian Paolo Cassano, don Stefano Rosati, don Ninè Valdini, don Massimo Goni, don Clemente Petrillo, don Luigino Scarponi, don Albino Sanna.Adesioni 2017. Il Consiglio esamina la situazione delle adesioni e prende atto che vi è una continuità e una stabilità.

3/2 A proposito del menzionato Segretario non speravamo, in verità, di poterne avere uno in modo continuativo. Con d. Albino Sanna invece, presente in sede fin dall’inizio di quest’anno, la Provvidenza ha premiato una ricerca durata a lungo, e divenuta più che mai necessaria anche a motivo della conclusione, avvenuta lo scorso febbraio, dell’apprezzato lavoro di collaboratrice della Presidenza svolto per 17 anni da sr Maria Chiara Bonzano.

Più comunitari dei loro padri, ma solo virtualmente, per necessità ribelli, insofferenti, pensano a dotarsi di un futuro certo, a lavorare per lavorare, a riempire il portfolio, capire il senso di una laurea, a non prender un bel calcio nel curriculum; a combattere per la creazione di una propria funzione ed identità sociale reale, in una visione alla “si salvi chi può”. La spinta individualistica è forte e quella collettivistica si rafforza di riflesso, unisce per parità di condizione, non più per un’immagine specifica del mondo che poggia su pilastri, su un determinato pacchetto valoriale, morale, etico, che poi va a confluire naturalmente in un contenitore con proprie idee e finalità. Ed ecco il “Je Suis”, recitato come un mantra dopo l’attentato di Parigi, ecco il fervore uniforme verso il referendum greco.

Fesenko? Stiamo provando a recuperarlo affinché possa darci una mano per tutto l’anno, sperando che non si fermi nuovamente e che il suo processo di recupero sia continuo: oggi ha giocato 23 minuti e i rimanenti li ha giocati N’Diaye. Fitipaldo deve giocare più sereno, viene da un infortunio e tutta la squadra è pronta a sostenerlo: è un giocatore di valore, che non ha bisogno di dimostrare nulla, e lo accompagneremo in questo suo processo di ulteriore crescita. Wells sta facendo tutti gli esami di controllo e non vogliamo forzare il suo recupero: ci manca tanto il suo atletismo e la sua forza ma al tempo stesso sono contento perché la squadra ha saputo sopperire alla sua assenza”..

Per celebrare il cinquantenario di questi storici occhiali, Luxottica ha organizzato Incognito, una mostra itinerante presentata in anteprima alla Triennale di Milano durante l’ultimo Salone del Mobile e prossimamente attesa anche in città come Parigi o Madrid. Dello stesso segno l’evento Uncut in programma domani a New York per festeggiare il leggendario modello Wayfarer di Ray Ban attraverso uno speciale percorso iconografico legato ai grandi divi del rock. Da sempre, infatti, i primi estimatori di questi occhiali scuri che più scuri non si può, sono musicisti del calibro di Bob Dylan, Madonna, David Bowie e Blondie per non citare l’esilarante duo composto da John Belushi e Dan Aycroyd nel meraviglioso film The Blues Brothers girato da John Landis nel 1980.

Lascia un commento