Ray Ban Rb3016 Classic Clubmaster Oval Sunglasses

Mai a nessun panchinaro, Giovanni Agnelli aveva regalato parole come quelle pronunciate domenica a Villar Perosa: “Peruzzi è divertentissimo, mi ricorda Sentimenti IV”. E se l’ Avvocato scomoda storia e ridordi, la faccenda è seria. Intanto domani c’ è il Milan a sollecitare pronte verifiche: “Siamo pronti, anche se sappiamo che la squadra rossonera è la favorita per lo scudetto”, dice il portiere.

Da un’ epoca remota, comunque, l’ attuale redattore parlamentare dell’ Espresso percorre munito di taccuino il “corridoio dei passi perduti”. Ogni passo un incontro e ogni incontro uno strafalcione. Se dovesse sintetizzare, negli anni, il grado d’ istruzione degli eletti del popolo, desumendo dati e aneddoti dalla sua lunga esperienza, Quaranta disegnerebbe un tragico diagramma.

Ma vediamo i numeri: nel 2012 la produzione è stata di 2,799 miliardi di euro, in crescita del 5,3% rispetto al 2011. Il settore ha confermato la sua vocazione all’export, che nel 2012 è cresciuto del 7% a 2,631 miliardi, un massimo storico, sottolinea Cirillo Marcolin, presidente di Anfao, l’associazione di settore, e di Mido, la più grande fiera dell’occhialeria al mondo, che si tiene una volta all’anno a Milano (il prossimo appuntamento è dall’1 al 3 marzo 2014). La bilancia commerciale italiana del nostro settore si è confermata largamente in attivo, benché anche le importazioni siano aumentate del 5,7%, arrivando a 885 milioni aggiunge il presidente di Anfao e Mido Un fatto interessante del 2012 è stato l’aumento dell’export di montature da vista, cresciuto dell’11,2% rispetto al 5% degli occhiali da sole.

La partecipazione nella blasonata banca d’affari porta in pancia per quest’anno un guadagno ipotetico di tre milioni di euro. Noccioline, al cospetto dei 9,5 miliardi di dollari di patrimonio che ‘Forbes’ attribuisce agli industriali di Alba. Per lo stesso motivo, fuori dai big della Borsa restano altri pezzi da novanta come i Barilla, mentre nomi celebri dell’economia e della finanza, come Luca Cordero di Montezemolo e Marco Tronchetti Provera, sono lontani anni luce dalle prime cinquanta posizioni per l’esiguità dei loro pacchetti o per la bassa consistenza sul listino delle società di cui detengono quote importanti.

In base all’articolo 4, comma 1, lettera A, del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (comunemente denominato “Codice della Privacy”) per trattamento deve intendersi: “qualunque operazione o complesso di operazioni, svolti con o senza l’ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la conservazione, l’elaborazione, la modificazione, la selezione, l’estrazione, il raffronto, l’utilizzo, l’interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione dei dati”. N.

Lascia un commento