Ray Ban Polarized Green Lens

Ed è sempre stato così. Gli adulti e quelli che criticano fanno finta di non ricordare. Quanto poi ai paragoni con Lolita, proprio non c’entrano nulla.. L’Ottica Pasquali e Giacometti si trova in un tratto di via Massarenti massacrato dai furti continui: Proprio vicino a noi prosegue la negoziante c’è il ristorante ‘Il gusto del tempo’ che confina con un’oreficeria: qualche tempo fa i ladri sono entrati nel locale, hanno sfondato un muro e svaligiato la gioielleria. Senza parlare dei due colpi, uno tentato e uno riuscito, ‘Al tramezzino’, di quelli nella profumeria Raggi. E ancora e ancora.

Sorprendente? Niente affatto: questo sarebbe soltanto l’inizio, come anticipa Enrico Salvatori, vicepresidente senior europeo di Qualcomm, azienda californiana che con la sua piattaforma Vuforia offre a sviluppatori e aziende soluzioni avanzate di realt aumentata: Presto afferma telefonini e tablet, tramite sensori appositi, potranno farci navigare tra i contenuti o sfogliarli muovendo le mani nell’aria o, ancora, rilevare ogni nostra parola e movimento . Insomma, avremo accesso a tutte le informazioni su un capo senza nemmeno bisogno di toccare lo schermo e “parlando” con la realt aumentata. Oppure non proveremo camicie e occhiali restando immobili, ma guardandoci sfilare sul display del tablet..

Continua, ostinatamente, ad arrampicare salendo. (oramai!) vie con difficolt pi vicine al III grado che superiori! Ma la sua passione lo scialpinismo che pratica nonostante tutto sempre pi assiduamente. Amante del ripido e dei canalini dolomitici sceso fra le rocce del Cristallo, delle Tre Cime di Lavaredo, del Piz Bo e delle Dolomiti del Comelico ed ovviamente della sua amata Val Visdende.

Anzi, lui. Dan Peterson aveva lasciato una squadra con lo scudetto sulla canottiera e in campo “highlander” come D’Antoni, Meneghin, McAdoo e Premier, ventitrè anni dopo ritrova un’insalata etnica fatta di americani, lituani, un bulgaro, un ucraino e degli italiani come contorno. Lo specchio del basket fast food dei nostri tempi, dove i giocatori vanno e vengono come pendolari alla stazione e le bandiere ormai sono soltanto quelle appese ai soffitti dei palasport.

In questo caso chi è meno contaminato ha più possibilità di salvarsi. Il codice blu viene attribuito in sede extraospedaliera durante le manovre di rianimazione in mancanza del sanitario. In aggiunta a questi colori ne sono stati utilizzati altri per categorie particolari: quello d’argento per il paziente geriatrico fragile e rosa per le donne vittime di violenza.

Lascia un commento