Ray Ban Plastic Frame Sunglasses

Cari sacerdoti, noi siamo pastori, pastori di popolo, e non chierici di Stato Il nostro clericalismo è molto forte, molto forte; e ci vuole una conversione grande, continua per essere pastori. Abbiamo finito di leggere non so se anche nella Liturgia italiana, perché io continuo con il Breviario argentino il De pastoribus [di sant’Agostino] nell’Ufficio delle Letture, e lì si vede chiaramente che Agostino ci fa vedere com’è un pastore, ma non uno clericale, un pastore di popolo, che non vuol dire un populista, no, pastore di popolo, cioè vicino al popolo perché è stato inviato lì a far crescere il popolo, a insegnare al popolo, a santificare il popolo, ad aiutare il popolo a trovare Gesù Cristo. Invece, il pastore che è troppo clericale assomiglia a quei farisei, a quei dottori della legge, a quei sadducei del tempo di Gesù: soltanto la mia teologia, il mio pensiero, quello che si deve fare, quello che non si deve fare, chiuso lì, e il popolo è là; mai interloquire con la realtà di un popolo.

Tutto: acqua, elettricit medicinali spiega l della pattuglia. Lo sa bene il colonnello Aldo Costigliolo, capo dell militare che ha realizzato decine di scuole, strade e ambulatori in tutta la provincia. Recentemente il suo team ha inaugurato il nuovo carcere femminile di Herat.

Due esperti, un sacerdote ed un laico per affrontare un tema di fede, delicato e avvincente al tempo stesso; gli angeli oggi sono spesso tratteggiati come soggetti da favola, sono presenti nelle iconografie moderne degli spot pubblicitari sui magazine e in Tv, ma gli Angeli esistono, come dimostrano le numerose citazioni esplicite della Bibbia e il loro ricordo, ha sottolineato il vescovo di Avellino, ci riporta tutti indietro nel tempo, quando da bambini ci ricordavano di pregare l’Angelo Custode. Monsignor Arturo Aiello ha assistito con interesse all’intero incontro, seduto nella prima fila di una sala gremita, con numerose persone costrette ad assistere in piedi per mancanza di posti. Una partecipazione straordinaria per un tema che evidentemente appassiona interessate ad approfondire la conoscenza dei Custodi e messaggeri della Parola.

Il duo Anna Lami (ufficio stampa) e Martin Avaro (dirigente nazionale e protagonista degli scontri di aprile scorso alla Sapienza), è addetto all’accoglienza. Martin ha 29 anni e l’aria di chi si è appena asciugato i capelli dopo aver fatto 80 vasche: sano, biondo, pariolo. Porta jeans e Clarks marroni e, illustrando il programma del Campo, dice: “Stasera suonano le Innocenti Evasioni, gruppo che fa cover di Lucio Battisti, cantante di destra.

Lascia un commento