Ray Ban Optical Glasses Australia

Una fetta pari al 24 per cento, non poco. Prosegue lo studioso: “Abbiamo individuato oltre venti casi, ma nel dettaglio ne abbiamo analizzati quattro. Uno commerciava Ray Ban. Accanto alla scalata del vulcano attivo Villaricca ed alla vastit inimmaginabile dell il momento pi emozionante del nostro viaggio stata la visita agli immensi branchi di lama ed alpaca che appartengono alla popolazione indigena. I colori della lana ed i disegni del mantello, che si possono trovare solo qui, sulle Ande, la resistenza al clima rigido e la frugalit indispensabile per la sopravvivenza in un territorio cos arido contraddistinguono gli animali di queste zone, spesso unica propriet dei contadini, insieme alle loro case in argilla. Un branco qui conta centinaia, spesso addirittura migliaia di esemplari.

In un epoca di tagli e accorpamenti di Uffici e funzioni la presentazione del libro scritto da Stefano Sorvino, dal titolo “Una vita, più vite:ricordando il Prefetto Guido Sorvino” (edizioni Il Terebinto), avvenuta nel Salone della Prefettura di Avellino, lunedì 20 Febbraio, si è rivelata una valida occasione per rimarcare la centralità e l’importanza delle Prefetture e dei funzionari che ne rappresentano l’Istituzione nei territori italiani. Da nord a sud, isole comprese, la Prefettura è sinonimo di presidio di legalità e di coordinamento, oltre ad essere “il distaccamento” territoriale del Governo centrale. La celebrazione della figura di Guido Sorvino, Prefetto, si è rivelata una lezione sulle capacità organizzative, sulla conoscenza delle norme e delle funzioni da assolvere all’interno del Palazzo.

L’Italia ha un cammino segnato, come tutti i membri dell’euro, e deve percorrerlo senza guizzi, scarti improvvisi o sorprese. Al contrario di Irlanda, Grecia, Spagna e Portogallo, è sfuggita finora alla “troika” ma deve fare da sola le riforme della troika perché la cura funziona: crescita e competitività stanno tornando nella banda dei Quattro. E anche la Francia ha capito che quella è la strada..

Tutti da sistemare sembrano, invece, i futuri equilibri nella Fininvest di Silvio Berlusconi. Lo conferma l’ultima notizia: per effetto della perdita dei requisiti di onorabilità dovuta alla condanna definitiva per frode fiscale, la Banca d’Italia ha imposto all’ex premier di cedere a terzi il 20 per cento posseduto nel gruppo assicurativo Mediolanum. Se la Fininvest fosse già in mano ai figli, il problema non si sarebbe nemmeno posto.

La sicurezza, la sicurezza signora mia: com confortante (o terrorizzante, che con la paura si governa) nei titoli dei giornali la “fiera della forca”. Contro il politicamente corretto: “Sarebbe bello bruciassero meno fabbriche e crollassero meno scuole. E scippassero più vecchiette”.

Lascia un commento