Oculos Ray Ban Direto Da Fabrica

Da quando ci sono le societ di produzioni televisive, questa esterofilia di comodo ha fatto passi da gigante. Parli con la sgamata produttrice di format e quella ti racconta dei meravigliosi serial inglesi visti al Midem di Cannes, cattive, quasi crudeli, ma scrolliamoci di dosso questo buonismo, una volta per tutte! Le proponi allora una sit com in cui la protagonista una lesbica ebrea, sorda e in carrozzella che combina scherzi micidiali alla sua badante. Il Chip Shop Awards, un riconoscimento che dal 2002 premia le idee pi malvagie, offensive e di pessimo gusto con cui si sfogano i pubblicitari.

Qualche anno fa, ricercatori italiani dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma pubblicarono su una rivista internazionale di immunologia un loro studio su una possibile causa della malattia. Si tratta del patologo generale Professor Francesco Ria e del microbiologo Giovanni Delogu, ricercatori presso il Policlinico “Gemelli”. Riuscirono a riprodurre, con un lavoro durato due anni, iniettando un microrganismo nei topi, una malattia autoimmune provocata da una reazione infiammatoria, simile in tutto e per tutto alla sclerosi multipla.

L’Italia è un paese di piccole e medie industrie, nate spesso dall’idea geniale di una persona, che vive la propria azienda come se fosse un figlio, e accentra su di sè ogni decisione, anche la più stupida, e non delega nulla. I figli di questo spesso vivono ai margini del tutto, e quando il padre crepa, hanno di fronte a sè due vie: se sono intelligenti, riconoscono di non avere la più pallida idea di cosa sia essere imprenditore e vendono tutto (e in questo modo l’azienda spesso sopravvive), se sono imbecilli, pensano per analogia di essere capitani di industria tanto quanto il padre, senza però esserlo, e affondano insieme alle famiglie che campavano del lavoro. Storia vista, a livello professionale, decine di volte.

Cartelli bianchi e neri. Il destino è stato più crudele con Nicola Mezzacappa. Nello schianto con la Golf è morto sul colpo. Eppure il paradosso è che proprio il Pd troppo conteso all’interno e non contendibile all’esterno, non scalabile dalla società civile tanto cara all’azionismo di massa by Repubblica, crea lo spazio per le ambizioni dirigiste che Ezio Mauro peraltro condivide con il suo editore Carlo De Benedetti e con il suo predecessore Eugenio Scalfari, sia pure in forme molto diverse. E’ nella debolezza delle leadership del centro il vuoto che attrae, che nutre gli scenari dei papi stranieri e che spiega la conversione multimediale del direttore di Repubblica descritto da tutti coloro che lo hanno frequentato agli esordi e ne hanno accompagnato il cursus honorum, come schivo, mai mondano, mai tentato dall’idea di un’incarnazione extracartacea fino a quando improvvisamente apparve e firmò autografi nei gazebo di Repubblica alla manifestazione per la libertà di informazione a Roma in ottobre. O si materializzò ci sono testimonianze in un salotto romano: quello di Sandra Verusio, cosa mai accaduta prima..

Lascia un commento