Como Saber Si Los Anteojos Ray Ban Aviator Son Originales

Ho ripreso a studiare. Le mie parole si sono susseguite nella penombra della stanza, come quella volta che mi stavo preparando per l esame. Perfino l di alcuni oggetti negli anfratti pi nascosti del mio studio sono nella stessa posizione in cui li ho lasciati..

La serie che racconta l’epopea tanto mitica quanto tragica della famiglia Kennedy non si limita a narrare un importante capitolo della Storia americana: negli otto episodi de I Kennedy, in onda su Sky Unoogni mercoledì alle ore 21.15, vengono ripercorsi anche gli step fondamentali di un’altra storia, quella del costume. Dai tailleur iconici della divina Jackie agli outfit casual dei rampolli di casa Kennedy, tutto ciò che è passato attraverso il guardaroba di questa celebre famiglia è diventato un fashion cult. Anche le capigliature, basti pensare ai sublimi caschetti bon ton con hair flip della First Lady per antonomasia.

UDINE. Se n’è andato un mito. Quando il collega Oleotto ci ha chiamato annunciando la morte di McDaniels abbiamo avuto un sussulto. Scott ha i capelli con la riga di fianco. Sembra un supereroe degli anni Cinquanta prima di indossare il costume. Il viso è dolce, gli occhi azzurri.

Telefonate illimitate, così come le visite, celle aperte (e si mangia pure bene! ha sdrammatizzato per rasserenare famigliari e amici). E la compagna di una vita, Patrizia, sempre al suo fianco: Ho sempre creduto nella sua innocenza, ripete. Ma presto tutto potrebbe cambiare.

Fulvio, molto conosciuto in città, dopo aver studiato presso il liceo classico “Annibal Caro” di Fermo, si è laureato all’università di Macerata in scienze della comunicazione. Ma la sua passione è il calcio. Dopo essere stato giocatore, ha allenato le giovanile della Firmum per due anni.

Orgoglio e diritto di successione, è quello che si legge negli occhi di Gigi D’ Alessio. Talento ed eccesso, proprio come il papà adottivo per il quale la star dei cd più venduti in Italia ha percorso oltre mille chilometri nella notte da Milano a Napoli. Abbiamo perso il Papa di Napoli, mormora.

Li richiama alla presenza consapevole nel mondo, ad abbandonare il ruolo di inani simulacri di una realtà scura, impersonale come l’album di Ickarus nel principio, morta come i suoi compagni nel declino (Pisello e Jenny), assente e allucinata come i residenti del centro recupero. Berlin Calling come London Calling, dunque? Istillare una volontà di risveglio creativo, una rinascita dello spirito vitale, una rivoluzione, come quella punk, narrata dai Clash, ora in veste Elettro e minimal, che riunisca le forze dei cuori e delle menti giovani nella faticosa lotta contro il vuoto. Sembra esser questo l’imperativo autoimposto di Hannes Sthr.

Lascia un commento